Direzione regionale Trentino

Fisco e scuola

Vai alla pagina nazionale

"Il Fisco? Mah, sappiamo solo quello che abbiamo sentito alla TV!!" Ecco, forse c'è bisogno di saperne di più e meglio. C'è bisogno di Fisco e Scuola, la formazione dell'Agenzia delle Entrate pensata per gli studenti.

Il 24 ottobre 2013 l'Agenzia delle Entrate ha rinnovato, a livello nazionale, l'Accordo con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, sottoscritto già nel 2004. Ed il 18 giugno 2014 la Direzione Provinciale di Trento, a sua volta, ha rinnovato il File pdfProtocollo d'Intesa (118.90 KB)con l'Assessorato all'Istruzione della Provincia Autonoma di Trento per continuare a fare formazione con gli studenti delle scuole trentine di ogni ordine e grado, fino al 2016.

Nelle aule scolastiche il Fisco parla ai ragazzi. Di cosa? Di tasse? No! In realtà, non è così fondamentale parlare di "tasse". O almeno, non è così importante parlare solo di tasse, nel senso di come le si calcola, di come compilare accuratamente le dichiarazioni, di come utilizzare certi software, e di quando ricorrono le principali scadenze dei versamenti. Certo, l'Agenzia delle Entrate fa anche questo nelle classi, attraverso simulazioni e analisi di casi pratici. Ma i formatori del Fisco non dimenticano che, prima di tutto, è fondamentale parlare del perchè delle tasse, dei principi: legalità, equità, giustizia sociale. La Direzione Provinciale di Trento fa parte del Tavolo della Legalità, un coordinamento di Istituzioni locali e nazionali che con la Provincia Autonoma di Trento promuove  l'educazione civica nelle scuole: vedi il video realizzato con il CFP di Cles, la pagina del sito del Liceo Rosmini di Rovereto, il sito dell'Istituto Martino Martini di Mezzolombardo. Qui, ma anche in altre scuole, i nostri formatori hanno lavorato insieme ai colleghi della Banca d'Italia e della Guardia di Finanza per spiegare, senza tralasciare nulla, come lo Stato combatte su più fronti il dannoso fenomeno del riciclaggio del "denaro sporco". 

E’ necessario parlare di diritti, parlando di tasse. Diritti sanciti dalla Costituzione Italiana. Del diritto all’istruzione pubblica, ad esempio. Avere una scuola statale o comunale "aperta a tutti" è un diritto. Chi lo sostiene il costo di questo diritto? In che misura ciascuno di noi deve sostenerlo? Sulla base di quale criterio? Quello, forse, della "capacità contributiva" come dice l'art. 53 della Costituzione? Ecco, è con domande del genere, adottando cioè una metodologia di confronto, di dialogo chiaro e aperto, che l'Agenzia delle Entrate si relaziona agli studenti delle scuole nel momento in cui entra in punta di piedi nel loro mondo.

Una presentazione delle nostre attività la trovi anche su Città e Scuola, pubblicazione a cura del Comune di Trento



Per informazioni: